Storia di Hovercraft

Un hovercraft, noto anche come veicolo a cuscino d'aria o ACV, è un mezzo capace di viaggiare su terra, acqua, fango o ghiaccio e altre superfici. Hovercraft sono navi ibride gestite da un pilota come un aereo piuttosto che un capitano come nave marina.

Gli hovercraft usano i soffiatori per produrre un grande volume di aria al di sotto dello scafo leggermente al di sopra della pressione atmosferica. La differenza di pressione tra l'aria a pressione più alta al di sotto dello scafo e l'aria ambiente a pressione inferiore sopra di esso produce un sollevamento, che fa galleggiare lo scafo sopra la superficie di rotolamento. Per ragioni di stabilità, l'aria viene in genere soffiata attraverso fessure o fori attorno all'esterno di una piattaforma a forma di disco o di forma ovale, dando alla maggior parte dell'hovercraft una caratteristica forma a rettangolo arrotondato. Tipicamente questo cuscino è contenuto all'interno di una "gonna" flessibile, che consente al veicolo di viaggiare su piccoli ostacoli senza danni.

Il primo progetto pratico per l'hovercraft derivava da un'invenzione britannica negli 1950 fino agli 1960. Ora sono utilizzati in tutto il mondo come trasporti specializzati in operazioni di soccorso in caso di catastrofi, guardie costiere, militari e sondaggi, nonché per servizi sportivi o passeggeri. Versioni molto grandi sono state utilizzate per trasportare centinaia di persone e veicoli attraverso il Canale della Manica, mentre altre hanno applicazioni militari utilizzate per trasportare carri armati, soldati e grandi attrezzature in ambienti ostili e terreni.
Anche se ora è un termine generico per il tipo di imbarcazione, il nome Hovercraft stesso era un marchio di proprietà di Saunders-Roe (in seguito British Hovercraft Corporation (BHC), poi Westland), da qui l'uso di altri nomi alternativi per descrivere i veicoli.

L'idea dell'hovercraft moderno è più spesso associata a un ingegnere meccanico britannico, Sir Christopher Cockerell. Il gruppo di Cockerell fu il primo a sviluppare l'uso di un anello d'aria anulare per mantenere il cuscino, il primo a sviluppare una gonna di successo, e il primo a dimostrare un veicolo pratico in uso continuo.

Cockerell ha trovato il concetto chiave nel suo design quando studiava l'anello del flusso d'aria quando l'aria ad alta pressione veniva soffiata nell'area anulare tra due lattine concentriche, un caffè e l'altro dal cibo per gatti e un asciugacapelli. Ciò ha prodotto un anello di flusso d'aria, come previsto, ma ha notato anche un vantaggio inaspettato; il foglio di aria in rapido movimento presentava una specie di barriera fisica all'aria su entrambi i lati. Questo effetto, che chiamò "cortina di moto", potrebbe essere usato per intrappolare l'aria ad alta pressione nell'area all'interno della tenda, producendo un plenum ad alta pressione che gli esempi precedenti dovevano accumulare con un flusso d'aria considerevolmente maggiore. In teoria, sarebbe necessaria solo una piccola quantità di flusso d'aria attivo per creare l'ascensore e molto meno di un progetto che si basava solo sull'impulso dell'aria per fornire l'ascensore, come un elicottero. In termini di potenza, un hovercraft avrebbe bisogno solo tra un quarto e la metà della potenza richiesta da un elicottero.

1280px-njahof_glidemobile

da-st-87-01750-jpeg-1
rnli_hovercraft_h-001_2005-07-16

commercializzazione

L'hovercraft divenne un efficace sistema di trasporto per servizi ad alta velocità su acqua e terra, portando a sviluppi diffusi per veicoli militari, ricerca e soccorso e operazioni commerciali. Con 1962, molte società britanniche di costruzioni aeronautiche e navali stavano lavorando a progetti di hovercraft, tra cui Saunders Roe / Westland, Vickers-Armstrong, William Denny, Britten-Norman e Folland. [13] Il servizio di traghetti su piccola scala è iniziato già da 1962 con il lancio del Vickers-Armstrong VA-3. Con l'introduzione della 254 passenger e della 30 Car che trasportava il traghetto cross-channel SR.N4 di Hoverlloyd e Seaspeed in 1968, l'hovercraft si era trasformato in un'utile imbarcazione commerciale.

La società britannica di aeromobili e ingegneria navale Saunders-Roe ha costruito il primo hovercraft pratico per trasportare la National Research Development Corporation, la SR.N1, che ha effettuato numerosi test in 1959 su 1961 (la prima dimostrazione pubblica era in 1959), tra cui un test cross-channel in luglio 1959, pilotato da Peter "Sheepy" Lamb, un ex collaudatore navale e il capo collaudatore di Saunders Roe. Christopher Cockerell era a bordo e il volo si è svolto nell'50esimo anniversario della prima traversata aerea di Louis Blériot

Hovercraft può essere alimentato da uno o più motori. Le piccole imbarcazioni, come Hov Pod, di solito hanno un motore con il disco diviso in un cambio. Sui veicoli con più motori, di solito si guida il ventilatore (o la girante), che è responsabile del sollevamento del veicolo forzando aria ad alta pressione sotto l'imbarcazione. L'aria gonfia la "gonna" sotto il veicolo, facendolo salire sopra la superficie. I motori aggiuntivi forniscono spinta per spingere l'imbarcazione. Alcuni hovercraft usano canalizzazioni per consentire a un motore di eseguire entrambe le attività dirigendo parte dell'aria verso la gonna, il resto dell'aria passa dalla parte posteriore per spingere in avanti l'imbarcazione.

Hov Pod è stato ampiamente utilizzato per applicazioni commerciali, ma l'uso di grandi mezzi passeggeri per operazioni su larga scala attraverso il canale inglese si è ridotto a pochi anni fa. Per ulteriori informazioni sulla storia dell'hovercraft consultare un articolo della BBC qui.